“Dov’è Samba?” Ecco la domanda che mi rivolgono più spesso i nostri ospiti più piccoli. Ma chi è Samba? è il nuovo cucciolo della Cascina, un gattino che si atteggia da tigre e attira su di sé tutte le attenzioni di ospiti, amici e famiglia. 

Fin dall’inizio di questa strana stagione, Samba ci ha accompagnato e lo stesso abbiamo fatto noi con lui seguendo tutte le fasi della sua crescita: appena arrivato, il simpatico batuffolo di pelo si dilettava a segnare indelebilmente le gambe di Mimma e Samuel con graffi degni di un vero felino. Energico e pieno di curiosità verso il mondo al di fuori delle mura, Samba si è presto avventurato nel piazzale della Cascina esponendosi a visibili pericoli e facendosi parecchi amici e non. 

Ovviamente il rapporto con Trilli non è dei migliori: la storica gatta nera della Cascina infatti, non gradisce più di tanto la presenza del nuovo arrivato e preferisce starsene sulle sue ricomparendo di tanto in tanto in attesa della sua razione di cibo. Una sera abbiamo addirittura assistito ad un acceso affronto tra gatti con tanto di versi coloriti che vedeva come protagonisti Samba, Trilli e un altro gatto di passaggio. Ma Samba non ha di certo di che preoccuparsi: nonostante non sia proprio il benvenuto tra i suoi simili, può vantare di una folla di ammiratori tra gli ospiti, soprattutto i bambini che si disperano appena non lo vedono comparire e si agitano spropositatamente quando lo avvistano. 

Il cucciolo si lascia coccolare ma poi, spinto dal suo animo esploratore, si lancia (nel vero senso della parola) nelle imprese più azzardate: come quella volta che, desideroso di rinfrescarsi con l’acqua del laghetto, ci è finito direttamente dentro! O quando Samuel è dovuto intervenire perché, arrampicandosi su un albero, aveva raggiunto un punto troppo alto e non aveva più il coraggio di scendere.

Ebbene sì, il cucciolo si sta facendo le ossa e si è già risvegliato in lui un istinto da predatore. Al momento la sua preda più ambita è Garibaldi, un colombo dalle sfumature viola e grigie che bazzica il nostro portico ormai da una settimana. Su di lui o lei sono già state fatte le più disparate ipotesi: un fuggitivo da un allevamento che non aveva voglia di eseguire gli ordini o uno sconsolato amante che aspetta fedelmente la sua dolce metà. Qualsiasi sia la sua provenienza, il pennuto ci ha senza dubbio strappato più di un sorriso nel suo tentativo di adattarsi al nuovo ambiente. Per ben due volte si è addentrato incuriosito in cascina per poi svolazzare verso l’uscita in modo bizzarro scontrandosi con il vetro della finestra. Anche procacciarsi cibo non è un’impresa facile per Garibaldi: dopo aver snobbato del riso cotto che gli avevamo offerto, ha deciso che preferiva di gran lunga i croccantini dei gatti e spesso cerca di avvicinarsi alle loro ciotole. Purtroppo per il povero colombo, al varco c’è sempre Samba ad aspettarlo pronto per un attacco che potrebbe arrivare da un momento all’altro. La scena si è ripetuta più volte negli ultimi giorni: Garibaldi si aggira spensierato per il ciottolato in cerca di una pozza in cui bere o di qualche insetto da beccare. Appena Samba si rende conto della sua presenza, si attiva in posizione di agguato e inizia a muoversi furtivo con occhi da sfida mentre Garibaldi continua a circolare indisturbato. Dopo una lunga attesa, il piccolo Samba sferra finalmente l’attacco facendo volare via Garibaldi, che raggiunge il tetto in cerca di pace. Insomma, nell’attesa che qualcuno venga a reclamare il pennuto disperso, ne vedremo delle belle.